Skip to content

Che tipo di imprenditore ti rappresenta meglio?

Condividi l’articolo

Differenze tra imprenditori, startup contro tradizione

Tempo di lettura: 3 minuti

L’innovazione e lo sviluppo delle tecnologie digitali degli ultimi anni hanno portato alla creazione di numerose startup, ma quali sono le differenze tra imprenditori che avviano una startup e un uomo d’affari che gestisce un’azienda tradizionale?

imprenditore startup

L'imprenditore "startupper"

Innanzitutto, bisogna definire cosa si intende per startup. Le startup sono imprese emergenti, spesso legate all’innovazione tecnologica, che hanno come obiettivo la creazione di un prodotto o servizio completamente nuovo o una rivisitazione di un prodotto o servizio esistente in modo significativo. Una delle caratteristiche distintive delle startup è la ricerca di finanziamenti esterni per finanziare la propria attività, che spesso richiede investimenti iniziali significativi.

Le startup si concentrano sulla creazione di un prodotto o servizio completamente nuovo o una rivisitazione significativa di un prodotto o servizio esistente, cercando di guadagnare quote di mercato attraverso un rapido processo di crescita per attirare investitori interessati a finanziare ulteriori fasi di sviluppo. 

L'imprenditore "uomo d'impresa"

Gli uomini d’impresa, invece, gestiscono aziende già consolidate sul mercato, utilizzando principalmente capitali propri o prestiti bancari per finanziare l’attività, ma soprattutto tendono a concentrarsi sulla creazione di un’impresa a lungo termine, in cui l’attenzione è posta sulla gestione delle finanze, la gestione del personale, sulla crescita graduale dell’azienda e sul lavoro day by day. 

Un’altra differenza tra startupper e uomini d’affari riguarda il tipo di rischio che assumono. Le startup operano in settori di mercato spesso molto competitivi, e l’innovazione tecnologica che propongono può essere ostacolata da numerosi fattori, tra cui problemi di scalabilità, di regolamentazione, di sicurezza, di privacy, e di proprietà intellettuale. Tuttavia, le startup sono spesso disposte a correre questi rischi, poiché l’innovazione è al centro del loro modello di business. Gli uomini d’affari, d’altra parte, tendono a evitare rischi eccessivi, cercando di consolidare la loro posizione sul mercato attraverso un modello di business più tradizionale.

In azienda le due anime devono coesistere

All’inizio, l’anima dello startupper è necessaria per impostare il modello di business e identificare il target di riferimento. Successivamente, l’uomo d’impresa deve prendere il timone e dedicare il 100% delle sue energie per far crescere l’azienda e farla diventare una certezza. 

Le differenze tra imprenditori possono essere preziosi in azienda, in quanto gli startupper possono offrire un’ulteriore prospettiva e spostare la barra del timone, ma è importante che gli imprenditori “tradizionali” mantengano il focus sull’obiettivo principale e sappiano gestire le sfide che incontrano lungo il cammino.

E tu? in quale imprenditore ti identifichi di più?

Segui il nostro magazine per i nuovi articoli.

Condividi l’articolo

MAGAZINE

Dal mondo di Quantico

Quantum Program: un ciclo di crescita continuo per gli imprenditori

Nel dinamico mondo degli affari, è essenziale che gli imprenditori si impegnino costantemente a sviluppare nuove abilità, acquisendo conoscenze e rimanendo aggiornati sulle ultime tendenze del settore in cui operano.
Leggi tutto

Smart working o lavoro in presenza: il punto di vista imprenditoriale

Smart working o lavoro in presenza: quale modalità è la migliore? È questa la domanda che ci poniamo oggi, in un momento in cui il dibattito su come lavorare in
Leggi tutto

La Quantico Experience è un’occasione di confronto

Yan Bertoni, socio del Quantico Business Club da poco meno di un anno, è l’amministratore di Technology&Business Impianti Srl, società che progetta e realizza impianti elettrici e tecnologici. T&B Impianti
Leggi tutto

L’importanza di saper gestire un elevator pitch per un imprenditore

Negli affari, la capacità di comunicare in modo efficace è fondamentale per il successo di un imprenditore. Uno strumento particolarmente utile per questo scopo è l’elevator pitch, una breve presentazione
Leggi tutto

Come far scalare un’azienda al modello C-Level Company

Negli ultimi anni, il concetto di Go To Market si è evoluto notevolmente, passando da una semplice strategia di lancio di un prodotto sul mercato a un approccio aziendale più
Leggi tutto

L’unione delle menti per raggiungere nuovi obiettivi

La settima edizione della Unicorn Mastermind è stata un’esperienza davvero unica e memorabile per gli imprenditori che vi hanno preso parte. Durante i quattro giorni passati insieme in Lapponia, i
Leggi tutto
Quantum Program: un ciclo di crescita continuo per gli imprenditori

Quantum Program: un ciclo di crescita continuo per gli imprenditori

Nel dinamico mondo degli affari, è essenziale che gli imprenditori si impegnino costantemente a sviluppare nuove abilità, acquisendo conoscenze e rimanendo aggiornati sulle ultime tendenze del settore in cui operano.…
Smart working o lavoro in presenza: il punto di vista imprenditoriale

Smart working o lavoro in presenza: il punto di vista imprenditoriale

Smart working o lavoro in presenza: quale modalità è la migliore? È questa la domanda che ci poniamo oggi, in un momento in cui il dibattito su come lavorare in…
La Quantico Experience è un’occasione di confronto

La Quantico Experience è un’occasione di confronto

Yan Bertoni, socio del Quantico Business Club da poco meno di un anno, è l’amministratore di Technology&Business Impianti Srl, società che progetta e realizza impianti elettrici e tecnologici. T&B Impianti…
This is Tooltip!
maggiori informazioni

Iscriviti al club compilando il questionario online

Sei un imprenditore?

Scopri se hai i requisiti per entrare nel club